Nessuno è un profeta nel suo paese.

fr flag
zh flag
en flag
it flag
pl flag
es flag
CLIQUER SUR LA LANGUE DESIREE

“La parola di Dio entra nella nostra carne. Alla chiamata del Signore, possiamo dire sì testimoniando la nostra carità, la nostra speranza e la nostra fede nella sua parola”.

Letture: Gesù non è mandato solo agli ebrei

Gesù, come Elia ed Eliseo, non è inviato ai soli Giudei (Lc 4,21-30)

La liturgia della Parola di Dio in questa quarta domenica del tempo ordinario, che è ben amata da Dio, ci parla della qualità del nostro rapporto con il messaggio che i Profeti ci annunciano da Dio. Si parla più specificamente del tipo di risposta che diamo a Dio. Infatti, la parola di Dio ci parla regolarmente come una luce per illuminare la nostra vita. Ma questa buona notizia è ancora ben accolta?

Sia la prima lettura che il Vangelo di oggi rispondono che “no”; la Parola di Dio proclamata dai profeti non è sempre accolta dagli uomini. Non sempre ci accarezza nella direzione dei capelli. Come una spada, spesso penetra nella nostra carne; cioè spesso denuncia in noi comportamenti che non sono conformi all'ideale di santità che si addice al cristiano. A questa parola inquietante, siamo invitati a dire SI. E di conseguenza, possiamo, con la grazia di Dio, fare tutto ciò che è in nostro potere, per strapparci dai cattivi atteggiamenti e percorrere la via della vita. Ma so che spesso diamo diverse risposte. Ad esempio, c'è la risposta dell'indifferenza:

è quando la parola di Dio non entra più nella nostra vita. Lo ascoltiamo come un romanzo o come un libro di storie raccontate.

C'è anche la risposta del relativista: è quando la parola di Dio è equilibrata con altri punti di vista. Questa, una volta relativizzata, non è più la Parola di salvezza, ma una parola di sapienza di cui si può fare a meno.

Infine, c'è la risposta aggressiva: questa è quella che viene discussa oggi in prima lettura e nel Vangelo. Nella prima lettura, come nel Vangelo, la parola di Dio pronunciata è seriamente messa in discussione per se stessa. E questa protesta è così aggressiva che il messaggio di Dio è confuso con colui che lo ha parlato; il profeta è confuso con la Parola di Dio. Per questo lo attacchiamo invece di blidare alla Parola di Dio e al messaggio rivolto a noi.

D'altra parte, cari fratelli e sorelle, anche se non è sempre facile ascoltare la chiamata alla conversione e ascoltare le minacce del Signore, dietro il messaggio dei profeti è la consapevolezza dell'amore di Dio che è essenziale. La nostra risposta alla sua chiamata

è un impegno decisivo. Proprio come la sua Parola si compie nel nostro oggi, è ora che siamo anche invitati a mostrargli la nostra piena adesione. Non chiudiamo il cuore, ma ascoltiamo la voce del Signore. La nostra risposta alla chiamata di Dio non deve più essere una risposta indifferente, relativista o addirittura aggressiva; ma alla chiamata del Signore possiamo dire sì testimoniando la nostra carità, la nostra speranza e la fede nella sua parola.

Credo sempre di più che i cristiani debbano testimoniare la loro Fede, Speranza e Carità. Anche se il mondo non è pronto ad ascoltarci, dobbiamo dire la grazia, il sostegno e soprattutto la gioia che troviamo nel nostro rapporto con Dio. Dobbiamo dire che la vera vita è in Dio, e la sua Parola che proclamiamo è proprio lì per illuminare ogni giorno i nostri passi su questa via della felicità.

Possa questa Eucaristia renderci sempre più disponibili all'azione dello Spirito in noi per grazia di Dio e renderci, come vuole Papa Francesco, “discepoli missionari” che testimoniano nella loro vita la bellezza e la gioia del Vangelo.

Possa Gesù, Parola di Dio fatta carne, ricevere un benvenuto degno di Lui nei nostri cuori.

Omelie:

Padre Rodrigue Chabi

Padre Rodrigue Chabi

Organo: Al Grande Organo, Guy Didier

Famosi corali di J.S. Bach

- Ingresso: “Tutti crediamo in un solo Dio” (Dogma Chorals)

- Meditazione: “Vieni ora salvatore dei Gentili” (Cori di Lipsia)

- Comunione: “Choral du Vigeur” (Chorals de Lipsia)

- Rilascio: “Gesù possa rimanere la mia gioia (Cantata 14)

Su wikipedia:

John Sebastian Bach

Le altre omelie di Padre Rodrigue Chabi

Leggi anche: la FIP della settimana

Scarica (PDF, 155KB)

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *